venerdì 30 agosto 2013

Cozze ripiene al guazzetto


Anche oggi, amici, voglio presentarvi un piatto assaggiato nelle meravigliose Cinque Terre. E' una loro specialità ed è veramente buona. Molto semplici da preparare e con un risultato eccezionale. Prepariamo insieme quindi un guazzetto di cozze ripiene.

Occorrente per 4 persone:

·                        1 retina di cozze
·                        2 spicchi di aglio
·                        olio evo e prezzemolo q.b.
·                        2 peperoncini
·                        vino bianco q.b
·                        300 gr di mollica di pane raffermo
·                        1 patata
·                        2 cucchiai di prezzemolo tritato
·                        sale e pepe q.b.
·                        brodo di pesce q.b.
·                        6 pomodori rossi maturi
·                        1 scalogno
·                        acqua di cottura delle cozze q.b.

Preparazione :

Per prima cosa puliamo le cozze. Prendiamo una pentola capiente e facciamo un soffritto con olio, aglio, prezzemolo, peperoncino e mettiamo dentro le cozze, successivamente sfumiamole con del vino bianco, copriamo con un coperchio e lasciamole cuocere fino a quando non si saranno completamente aperte.
Per il ripieno prendiamo una boule, mettiamo dentro la mollica di pane spezzata finemente, il prezzemolo, 1 patata precedentemente lessata, sgusciamo e tritiamo 100 gr di cozze che abbiamo cotto poco fa e mescoliamo bene, aggiungendo poco per volta del brodo di pesce fino ad ottenere un composto compatto ed omogeneo. Aggiustiamo di sale e pepe.
Prendiamo le 20 cozze più grandi, separiamole dalle valve, avvolgiamole quindi con il ripieno, rimettiamole di nuovo chiuse tra il loro guscio e mettiamole in forno a cuocere per 10 minuti a 180°.
Per il guazzetto peliamo a vivo i pomodori e togliamo la parte bianca che troviamo all'interno, tritiamo finemente lo scalogno, facciamolo dorare leggermente su una padella con dell'olio di oliva ed un peperoncino, uniamo i pomodori tagliati a pezzi e lasciamo cuocere a fuoco medio basso fino a che i pomodori non si disfano, mettiamo un poco di acqua di cottura delle cozze e finiamo di cuocere il sugo che dovrà essere più liquido del normale. Aggiungiamo al sugo le cozze appena uscite dal forno e lasciamole cuocere per 15 minuti, girandole dall'altro lato a metà cottura. Serviamo con il guazzetto a specchio e sopra le cozze ripiene.

giovedì 29 agosto 2013

Pollo profumato con olive taggiasche


Durante il nostro viaggio enogastronimico alle Cinque terre ci siamo portati a casa molti prodotti locali tra cui le buonissime Olive Taggiasche. Buonissime da mangiare, con un gusto particolare che unito al pollo da un risultato fantastico ricco di profumi meravigliosi che sembrano veramente ricordare quel territorio. Quindi iniziamo a prepare questa ricetta insieme.


Occorrente per 4 persone:

·                1 pollo intero
·                150 gr di olive taggiasche
·                2 rametti di rosmarino
·                10 pomodorini
·                2 foglie di alloro
·                1 cipolla
·                2 carote
·                brodo di pollo q.b.
·                1 bicchiere di vino rosso
·                sale, olio evo, pepe q.b.


Preparazione :

Iniziamo divididendo il pollo in 6 parti e quello che rimane facciamolo a pezzi e mettiamolo dentro una pentola per fare il brodo, copriamolo bene con dell'acqua e lasciamo cuocere per 90 minuti. 
In un casseruola capiente mettiamo un filo di olio, la cipolla tagliata finemente, le carote tagliate a rondelle e lasciamole appassire. Quando saranno appassite, togliamole dalla fuoco, mettiamole da parte e nella stessa padella facciamo dorare il pollo su ogni lato, aggiungendo l'alloro e il rosmarino. A questo punto sfumiamo con il vino e lasciamo evaporare la parte alcolica poi aggiungiamo le olive, i pomodorini tagliati in 4 parti, le carote e la cipolla appassiti e un paio di mestoli di brodo di pollo fatto precedentemente. 
Copriamo e cuociamo per 40/50 minuti a fuoco medio, togliamo il rosmarino e l'alloro e serviamo ben caldo.

mercoledì 28 agosto 2013

Risotto alla camomilla, zafferano e totani



Buongiorno amici, oggi voglio presentarvi un piatto particolare ma molto interessante. Solitamente la camomilla si usa da bere oppure per farci qualche doce tipo le Camille ma oggi ho voluto proporvi un uso diverso. Un risotto alla camomilla con un profumo delicato accompagnato dallo splendido color oro dello zafferano e da totani grigliati per dare quella nota amara che non guasta. Iniziamo a prepararlo insieme.


Occorrente per 4 persone:

·                320 gr di riso vialone nano
·                4 totani grandi
·                1 litro di infuso di fiori di camomilla
·                1 scalogno
·                1 bicchiere di vino bianco secco
·                sale, pepe bianco e olio evo q.b.
·                1 bustina di zafferano
·                30 gr di burro
·                50 gr di grana grattugiato


Preparazione :

Per prima cosa prendiamo una padella grande, mettiamo dentro l'olio e lo scalogno tritato finemente, appena comincia ad appassire uniamo il riso e facciamolo tostare per 4/5 minuti. Sfumiamo successivamente con il vino bianco e aggiungiamo poco per volta l'infuso di camomilla e lasciamo cuocere per 8/10 minuti.
Nel frattempo prendiamo un'altra padella, mettiamo un poco d'olio e quando sarà caldo mettiamo dentro il corpo dei totani fatto a pezzetti, cuociamoli per circa 4 minuti poi aggiungiamoli al riso e finiamo di cuocerlo per altri 8 minuti.
Quando il riso sarà cotto, spegniamo il fuoco, aggiungiamo il burro, il formaggio, lo zafferano, aggiustiamo di sale, spolveriamo con del pepe bianco macinato e lasciamolo mantecare per 5 minuti. 
Nel frattempo scaldiamo una griglia sul fuoco, quando sarà ben calda mettiamo a grigliare i baffi dei totani su ogni lato, occorrerà circa 3 minuti per lato. Quando saranno pronti, mettiamo il riso nei piatti e decoriamo con i baffi grigliati al centro e qualche fiore di camomilla.

martedì 27 agosto 2013

Acciughe ripiene



Amici oggi voglio presentarvi una ricetta che ho imparato nel nostro viaggio enogastronomico nelle Cinque Terre. Quindi voglio proporvi le Acciughe Ripiene. Piatto semplice veloce ma con un gusto eccezionale e decisamente ricco. Prepariamola insieme

Occorrente per 4 persone:

·                24 acciughe
·                300 gr di pane raffermo tritato grossolanamente
·                1 uovo
·                2 cucchiaini di pasta di acciughe
·                1 spicchio di aglio
·                4 cucchiaini di prezzemolo tritato
·                1/2 cucchiaino di paprika piccante
·                brodo di pesce q.b.
·                1 patata 
·                pangrattato q.b.
·                olio evo, sale e pepe q.b.


Preparazione :

Per prima cosa prendiamo una boule e mettiamo dentro il pane, la pasta di acciughe, l'aglio tritato finissimo, il prezzemolo, la paprika, la patata precedentemente lessata, l'uovo e per finire il brodo di pesce, fino ad ottenere una consistenza densa e malleabile. Puliamo le acciughe togliendo la testa e la spina, lasciando attaccata la coda. Mettiamo della carta da forno su di una teglia, mettiamo un filo d'olio, adagiamo un filetto di acciuga, mettiamo sopra una pallina del ripieno preparato in precedenza e copriamo con un altro filetto di acciuga. Ripetiamo l'operazione per tutte le altre acciughe. Per finire mettiamo un altro filo d'olio sopra le acciughe, spolveriamo con del prezzemolo tritato, sale, pepe e un poco di pangrattato. Inforniamo a 180°C per 20 minuti, mettendo la funzione grill a metà cottura. Serviamo ben calde.

lunedì 26 agosto 2013

Polpette di melanzane



Oggi voglio presentarvi le mie polpette di melanzane, ideali per un antipasto o per un contorno, a voi la scelta. Vediamo subito la ricetta.

Occorrente per 20 polpette:

·                650 gr di melanzane
·                100 gr di parmigiano grattugiato
·                50 gr di pecorino romano grattugiato
·                pane grattato q.b.
·                qualche fogliolina di menta fresca
·                1 mazzetto di prezzemolo
·                1/2 spicchio di aglio spremuto
·                1 cucchiaino di semi di coriandolo
·                sale e pepe q.b.
·                1 uovo
·                olio per friggere


Preparazione :

Accendiamo il forno a 200°C, prendiamo una teglia ricoperta da carta forno, mettiamo sopra le melanzane intere e inforniamo per 30/40 minuti. Nel frattempo prendiamo un recipiente, mettiamo dentro i formaggi grattugiati, del pane grattato, le foglie di menta e il prezzemolo ben tritati, l'aglio spremuto, i semi di coriandolo precedentemente schiacciati con un mortaio, il sale e il pepe e mescoliamo bene.
Quando le melanzane saranno cotte, tiriamole fuori dal forno e aspettiamo che si raffrreddino. 
A questo punto con l'aiuto di un coltello incidiamo le melanzane per tutta la lunghezza e con un cucchiaio asportiamo la polpa che metteremo a scolare in un colino a maglia fine per 10 minuti. Prendiamo adesso la polpa delle melanzane e uniamola al composto di pane grattato preparato in precedenza, uniamo l'uovo, mescoliamo bene gli ingredienti, formiamo delle polpette e ricopriamole con del pan grattato. Friggiamole in olio ben caldo e serviamo.

giovedì 8 agosto 2013

Fiori di zucca ripieni



Ma che bontà, ma che bontà, ma che bontà questa robina qua, così diceva una vecchia canzone. Io adoro questa ricetta, buonissima e gustosa ma allo stesso tempo semplice da fare. Iniziamo insieme a prepararla.

Occorrente per 4 persone:

·                16 fiori di zucca
·                200 gr di ricotta di pecora
·                1 ciuffetto di erba cipollina
·                2/3 cucchiai di latte intero
·                2 uova
·                80 gr di farina 00
·                1 bicchiere di birra
·                1 litro di olio di semi di arachide
·                sale e pepe q.b.


Preparazione :

Iniziamo a preparare la pastella. Mettiamo in una boule le uova e la farina e mescoliamo bene poi aggiungiamo gradualmente la birra che deve essere molto fredda, aggiustiamo di sale e pepe e mescoliamo fino ad ottenere una pastella morbida e non troppo densa. Nel frattempo mettiamo l'olio di semi di arachide a scaldare e quando avrà raggiunto la temperatura di 170° passiamo i fiori di zucca interi nella pastella e friggiamoli fino a che non diventeranno croccanti.
Prepariamo adesso il ripieno. Mettiamo in una boule la ricetta di pecora, i cucchiai di latte inero e l'erba cipollina tagliata finemente, aggiustiamo di sale e pepe e mettiamo il composto in una sac a poche. Adesso prendiamo i fiori di zucca che avremmo fatto asciugare e riposare su della carta assorbente, faccimao un piccolo taglietto nel dorso del fiore e con la sac a poche riempiamolo bene con il composto di ricotta. Ripetiamo l'operazione per ogni fiore di zucca, mettiamoli poi su un piatto e decoriamoli con dell'erba cipollina ed il piatto è pronto

mercoledì 7 agosto 2013

Cernia all'Acqua Pazza



Eccoci anche oggi con una nuova ricetta a base di pesce. Una ricetta veloce gustosa e molto colorata, d'altra parte anche i colori sono importanti in un piattto. In questo caso ho usato la cernia ma possimao usare qualsiasi altro pesce. Mi ricordo ancora da bambino, mio padre mi faceva spesso i pesci poveri all'acqua pazza e che bontà. Prepariamolo insieme

Occorrente per 4 persone:

·                1 cernia di circa 2.5 kg (o qualsiasi altro pesce)
·                16 pomodorini pachino
·                4 spicchi di aglio
·                prezzemolo q.b.
·                1 bicchiere di acqua
·                1 manciata di capperi dissalati
·                pepe di Sichuan q.b.
·                olio evo e sale q.b.


Preparazione :

Per prima cosa puliamo bene la cernia, togliamo le interiora e laviamola bene. Farciamo l'interno della cernia con un trito di prezzemolo e aglio poi mettiamola in una padella capiente con l'olio, i pomodorini tagliati a metà, gli spicchi di aglio restanti, il prezzemolo ed il bicchiere di acqua. Copriamo la padella e facciamo cuocere per circa 40 minuti a fiamma bassa. Circa a metà cottura giriamo la cernia sull'altro lato e copriamo ancora fino a fine cottura. Quando la cernia sarà cotta, aggiungiamo i capperi accuratamente dissalati, aggiustiamo di sale e di pepe e lasciamola riposare per qualche minuto poi spiniamola bene cerchiamo di ottenere dei bei pezzi di polpa. Serviamo la polpa con un pò di sughetto, qualche pomodorino e qualche cappero e per finire del prezzemolo tritato finemente.

martedì 6 agosto 2013

Filetto di salmone scottato con erba cipollina e besciamella allo zenzero



Oggi cari amici voglio presentarvi un piatto fresco e gustoso che si sposa bene con queste giornate torride. Ho deciso di proporvi un filetto di salmone appena scotatto con una besciamella leggera allo zenzero. Non aspettiamo altro, prepariamolo insieme.

Occorrente per 4 persone:

·                4 filetti di salmone
·                4 fiori di erba cipollina
·                7/8 fili di erba cipollina
·                25 gr di farina 00
·                25 gr di burro
·                250 ml di latte intero
·                4 cucchiai da caffè di zenzero in polvere
·                1 lime
·                pepe di Sichuan q.b.
·                olio evo e sale q.b.


Preparazione :

IIniziamo mettendo a marinare il filetto di salmone. Spremiamo il succo di un lime dentro ad un recipiente e versiamo poi la stessa quantità di olio. Con una frusta mescoliamo bene per far amalgamare i due elementi. Versiamo un pò del composto sul fondo di una teglia, adagiamo i filetti e con la restante emulsione bagnamo la parte superiore del salmone e lasciamolo marinare per circa 15 minuti in frigorifero. 
Passiamo adesso alla besciamella. Mettiamo il burro in un pentolino a fuoco medio, appena inizierà a sciogliersi aggiungiamo la farina e facciamo cuocere il roux (composto di burro e farina) per almeno 5 minuti poi aggiungiamo a filo il latte caldo e mescoliamo a fuoco medio basso fino a che non inizierà ad addensarsi. A questo punto aggiungiamo lo zenzero in polvere ed aggiustiamo di sale.
Togliamo i filetti di salmone dalla marinatura, scaldiamo una padella e appena questa sarà molto calda adagiamo i filetti delicatamente e facciamoli cuocere per 2 minuti circa poi sempre con molta attenzione giriamoli sull'altro lato, condiamoli con un pizzico di sale ed una generosa macinata di pepe di Sichuan e flasciamoli cuocere altri 2 minuti.
A cottura ultimata adagiamo ogni filetto nel piatto, versiamo sopra un pò di besciamella allo zenzero, dell'erba cipollina tagliata finemente ed un fiore di erba cipollina, anch'esso commestibile, ed il piatto è pronto.

lunedì 5 agosto 2013

Scaloppe di Maiale alla soia e timo con crema di funghi Champignon



Cari amici oggi voglio presentarvi un piatto a base di maiale. Un piatto ricco e gustoso grazie anche alla salsa di soia  e al profumatissimo timo. Ho deciso di accompgnarlo ad una salsa cremosa agli champignon la quale anche essa si sposa bene con il timo. Iniziamo insieme

Occorrente per 4 persone:

·                2 filetti di maiale da 300 gr
·                2 cipollotti interi
·                300 gr di funghi champignon
·                1 bicchiere di latte
·                2 spicchi di aglio
·                1 cucchiaio di farina 00
·                3 cucchiai di salsa di soia
·                1 rametto di timo abbondante
·                olio evo, sale e pepe q.b.


Preparazione :

Iniziamo marinando la carne. Prendiamo il filetto di maiale, sgrassiamolo appena e tagliamolo in scaloppe di circa 2 cm di altezza. Adagiamo i pezzi su una teglia e versiamo sopra la salsa di soia, un filo di olio, sale, pepe e un pò di timo sfogliato. Lasciamo marinare la carne per circa 30 minuti coperta in frigorifero. Nel frattempo prepariamo la salsa cremosa ai funghi. Puliamo bene i funghi togliendo la pellicina esterna. Tagliamoli a listarelle e mettiamoli in una padella con un filo di olio sul fondo e gli spicchi di aglio tagliati finemente oppure schiacciati. Lasciamoli cuocere a fuoco medio fino a che non inizieranno a buttare fuori l'acqua al loro interno. A questo punto proseguiamo la cottura per 2 minuti poi aggiungiamo prima il cucchiaio di farina 00 e poi il bicchiere di latte. Aggiustiamo di sale e di pepe e finiamo di cuocere fino a che la salsa non risulterà molto cremosa.
Passiamo alla cottura del maiale. Prendiamo una padella capiente, versiamo un filo di olio e la parte bianca del cipollotto tagliata finemente. Appena questa prenderà colore mettiamo le scaloppe di maiale e lasciamole cuocere per circa 3/4 minuti (dipende da quanto sono alte) poi giriamole sull'altro lato e aggiungiamo subito la parte verde del cipollotto tagliata grossolanamente. Lasciamo cuocere per altri 3/4 minuti e togliamo dal fuoco facendole riposare in padella almeno 1 minuto.
Adesso non ci resta che comporre il piatto. Mettiamo qualche scaloppa su un lato del piatto e guarnaimo con la salsa ai funghi. Aggiungiamo infine un rametto piccolo di timo ed il piatto è pronto.

venerdì 2 agosto 2013

Verdure in pastella



Oggi ho proprio voglia di presentarvi le nostre verdure fritte in pastella. Semplici da realizzare e una vera goduria per il nostro palato. Vediamo subito di che cosa abbiamo bisogno.

Occorrente per 4 persone:

·                2 zucchine
·                2 carote
·                1 cipolla
·                20 foglie di salvia
·                2 uova
·                200 gr di farina
·                200 ml di birra chiara
·                sale e pepe q.b.
·                olio per friggere


Preparazione :

Iniziamo preparando la pastella. Prendiamo una boule e mettiamo dentro la farina, le uova e la birra e con l'aiuto di una frusta sbattiamo bene per fare amalgamare gli ingredienti, aggiungiamo sale e pepe, mescoliamo ancora e mettiamo in frigorifero per 30/40 minuti.
Adesso prendiamo le zucchine e le carote, tagliamole a bastoncino, priviamo della buccia la cipolla e tagliamola in modo da ottenere degli anelli. 
Quando la pastella si sarà ben raffreddata, prendiamo una padella,mettiamo dentro abbondante olio per friggere e immergiamo dentro le verdure tagliate, gli anelli di cipolla e le foglie di salvia, facendo scolare la pastella in eccedenza e mettendo subito dentro l'olio caldo. Quando avranno raggiungto il giusto grado di doratura, togliamole dall'olio e mettiamole ad asciugare su carta da cucina assorbente, aggiungiamo un pizzico di sale e serviamo le nostre verdure calde.